Milano, 22 Marzo 2017

L’Uomo col Martello: Che cosa fai nella vita?

Pietro Tarsitano aka IL BELGA : Moltissime cose, troppe, ma sto cercando di fare solo quelle più belle. Nel tempo che mi resta sono designer e art director.

LUCM: Che cosa vorresti fare?

PT: “Solo quelle più belle.” [cit.]

LUCM: Perché ti chiamano il Belga?

PT: Per colpa degli abbinamenti improbabili di abbigliamento tecnico riciclato. E della maglia del belga Tom Steels (quando correva con Mapei) indossata durante una delle mie prime pedalate con i ragazzi di The Raid. Il dibattito sulla paternità dell’alias è ancora aperto..

LUCM: Perché lo fai?

PT: No ma ho smesso, diciamo che ho imparato a gestire meglio il colore.

LUCM: Elettroliti o Electronic Music ?

PT: La seconda che hai detto.

LUCM: Analog o Digital ?

PT: Mi è impossibile essere radicale su questo. Amo entrambi, in modo diverso.

LUCM: Grancassa o Air Guitar

PT: Piccola-cassa appesa allo zaino e air-guitar mentre pedalo.

LUCM: Trap o Trappista

PT: Secondo te cosa sceglierebbe Il Belga?

LUCM: Un libro, un disco, un film.

PT: L’arte di ottenere ragione, How to live with a phantom, Valley Uprising (è un docu, va bene lo stesso?)

LUCM: Perché la bici?

PT: Perchè mi fa un gran bene. Qui e qui. E poi mi libera da tante cose noiose.

LUCM: Chi ti ha ispirato?

PT: Chi? Cosa!! Il sorriso e la forza di chi affronta i piccoli e grandi ostacoli quotidiani con semplicità e costanza, come il ritmo delle loro pedalate.

LUCM: Un pensiero per il futuro

PT: Ne ho almeno tre. Fango, salita e tanta fatica.

LUCM: Quel è il trucco, qual è il segreto?

PT: Penso che sia l’amore. In generale. Ben focalizzato, non quello sprecato a cazzo. E anche evitare la pigrizia come la peste.

Grazie

PS: per scoprire il magico mondo di Pietro CLICCAQUI oppure INSTAGRAM